Glossario

Cosa è la frequenza di rimbalzo in Google Analytics

La frequenza di rimbalzo in Google Analytics è una delle metriche più importanti da analizzare.

E’ una metrica fondamentale anche per misurare come stanno andando le campagne web che hai lanciato sul tuo sito. Se vuoi scoprire di più su come tracciare una campagna, leggi il mio post dedicato.

Spesso mi sono accorto che è anche una delle metriche che crea più confusione, rendendo la lettura dei dati non corretta.

Frequenza di rimbalzo nel rapporto Comportamento in Google Analytics
L’andamento della Frequenza di Rimbalzo per settimana all’interno del rapport Comportamento – Contenuti del sito – Tutte le pagine.

Allora, cosa è la frequenza di rimbalzo?? Rappresenta la percentuale di utenti che hanno visitato una sola pagina web in una sessione, rispetto a tutti gli utenti entrati in quella pagina. Il confronto con tutte le sessioni del sito web porta quindi a darci la percentuale %.

Quale è la percentuale di rimbalzo che devo avere sul mio sito?

Purtroppo NON c’è una risposta precisa a questa domanda, perché tutto dipende da numerosi fattori come ad esempio il tipo di sito web che stai analizzando (è un blog? E’ un sito e-commerce? etc.), ma dipende anche da dove proviene il traffico che ha portato l’utente sul tuo sito. Di solito le campagne promosse sui social hanno una frequenza di rimbalzo più alta rispetto alle sessioni che provengono da ricerche organiche .

Allora perché la frequenza di rimbalzo è una metrica importante per il mio sito web?

Perché con questo valore puoi capire meglio la qualità del tuo traffico.

Puoi analizzare come si comporta il traffico proveniente da campagne social o campagne a pagamento. Puoi testare se il banner che ha guidato il traffico di una campagna può essere migliorato nei contenuti per attrarre più utenti e per presentare migliori contenuti e quindi far trovare quello che l’utente si aspetta e dunque aumentare le interazioni con il tuo sito web e conseguentemente abbassare la frequenza di rimbalzo.

Io sono dell’idea che non c’è un range di valori entro il quale poter dire che la frequenza di rimbalzo sia “corretta” oppure “sbagliata” e questo lo dico per le ragioni descritte sopra.

Però questa metrica è un’alleata fondamentale per iniziare a partire con un’analisi approfondita del comportamento dei tuoi utenti sul sito.

Se vuoi scoprire come creare delle allerte sulla frequenza di rimbalzo, leggi questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *