Google Analytics

Google Analytics 4: che cos’é?

Grandi novità in casa Google.

Il 14 ottobre l’annuncio ufficiale: si passa dalla versione beta chiamata App+Web alla versione Google Analytics 4.

Ora si cambia davvero e non è un semplice cambio di naming.

Non siamo in una fase di test che magari lascia il tempo che trova, anzi! Siamo di fronte ad un grande cambiamento che investirà tutto quello che conosciamo di GA fino ad oggi.

Le novità sono tante e nelle settimane successive continueranno ad uscirne.

Quindi …stay tuned!

Cosa cambia o cambierà?

E’ quindi ufficiale che, come visto nella versione Beta App+Web, il nuovo modello dati si baserà sugli eventi e non più sulle sessioni.

Ma ci sono altri argomenti chiave che saranno le fondamenta di Google Analytics 4, ossia la questione cookies, l’importanza del machine learning e una migliore comprensione della customer journey tanto richiesta dagli utenti di GA.

Viene fatto un focus molto importante sul “problema” legato ai cookies: GDPR (per gli utenti UE), i continui aggiornamenti in ambito di privacy sui diversi browsers e la possibilità che ogni utente ha di scaricare ad-blockers, hanno portato il team GA a sottolineare l’importanza di questo tema , fondamentale per il tracciamento del comportamento utenti sui siti web.

L’idea è quella di dare un forte boost al machine learning per andare a “coprire” quei buchi di dati che si hanno a causa dei limiti imposti dai browser o dal consenso alla policy cookie.

Le novità

Per iniziare ad elencarne alcune, potremmo stilare il seguente elenco:

  • possibilità di creare eventi direttamente dall’interfaccia utente (UI): si può modificare e creare eventi da dati già raccolti ma soprattutto senza dovere andare di codice;
  • importazione dati: tramite l’uso del measurement protocol , ci sarà la possibilità di inviare i dati degli eventi che si verificano su piattaforme diverse da siti web e app;
  • cross-domain: maggiore facilità nella sua impostazione e, ancora una volta, settabile direttamente dalla interfaccia utente;
  • possibilità di esportare i dati grazie alla integrazione con BigQuery e maggiore integrazione con Google Ads;
  • nuovi strumenti di migrazione: saranno presenti degli strumenti per migrare alla nuova versione 4 in maniera molto semplice e direttamente nella colonna Proprietà, senza dover impostare tutto da zero. Ci sarà anche uno strumento di accompagnamento nel caso di creazione da zero della nuova proprietà Google Analytics 4. Invece, se si utilizza il gtag.js ci sarà la modalità Connected Site Tags che permetterà di far funzionare il codice nella versione 4.

Riflessioni

Siamo solo all’inizio ma con base già più solide.

Per iniziare ad avere una veloce panoramica di quanto ho scritto, ti consiglio assolutamente di vedere i video di Krista sui primi passi con GA4 o su come migrare da UA a Google Analytics 4.

Se poi vuoi qualche dritta sui primi settaggi, leggi questa guida di Google oppure, rimanendo sempre sui primi consigli ufficiali, se vuoi avere un’idea di come aggiungere un account o una proprietà dai un’occhiata anche qui.

Ci saranno numerose novità ora che la versione inizierà a scendere su tutti gli utenti.

Quindi non perderti gli sviluppi futuri e seguimi su Linkedin o Twitter per rimanere aggiornato o leggi questo blog.

A presto!


Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli:

Annotazioni in Google Data Studio da Google Analytics

Come implementare i cookies con Tag Manager e Cookiebot

Misurare le visualizzazioni in Data Studio con Google Analytics

Tracciare le Dashboard di Data Studio con una Proprietà in Google e 4 Campi Calcolati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *