Google Analytics

Query Parameters in Google Analytics

In questo post vedremo cosa sono i query parameters e cosa può succedere nei Rapporti di GA se non si imposta correttamente il settaggio di questi valori.

Ti mostro come escluderli step-by-step in Google Analytics per permetterti di avere una raccolta dati pulita e facilitarti il lavoro di analisi del sito web.


Cosa sono i query parameters

Prendiamo un esempio di URL:

https://www.esempio.it/categoria-uno?banner=home_page

Tutto quello che si trova dopo il punto di domanda ‘?’ è un parametro query. Nel nostro caso:

?banner=home_page

A cosa servono i query parameters? Sono utili per decorare gli URL di un sito web e rendere più efficaci le analisi del sito. Nell’esempio mostrato, i parametri query indicano che la visualizzazione della pagina chiamata ‘categoria-uno‘ è avvenuta tramite il click da un banner in home page. Cliccando quel banner, l’atterraggio è: https://www.esempio.it/categoria-uno?banner=home_page

Come visualizzo questi dati in Google Analytics? Se andiamo all’interno del rapporto di Google Analytics, Comportamento – Contenuti del Sito – Tutte le Pagine, visualizzerò questi dati:

query parameters

Nella Dimensione Page (Pagina) sono presenti due URL, che però si riferiscono alla stessa pagina chiamata ‘categoria-uno‘, andando a formare diverse cardinalità. Questo avviene perché Google Analytics considera questi due URL differenti, dato che hanno parametri query differenti.

Ci sono diversi query parameters, come quelli per il Marketing tra cui i parametri UTM che sono utili per le analisi del traffico, oppure ci sono parametri più tecnici che possono essere utilizzati per il corretto tracciamento del Cross Domain etc.

Bisogna però differenziare i query parameters utili alle analisi web e quelli utili all’implementazione del sito web. Per analisi web qualitative è utile filtrare i parametri query meno utili.

Vediamo quindi come filtrare i query parameters in Google Analytics, suddividendoli in

  1. URL Query Parameters
  2. Search Query Parameters

1. URL Query Parameters

Partiamo da un obiettivo: supponiamo di voler escludere i parametri query presenti nelle URL e che non sono utili alle analisi.

Immaginiamo di avere questo URL:

https://www.esempio.com/blog-post-prova?lang=EN

L’obiettivo è di nascondere il parametro query ?lang=EN, in modo da passare da questa visualizzazione nel Rapporto di GA:

page dimension analytics

Alla seguente visualizzazione (che rende l’analisi più facile da svolgere):

dimension page with query

COME FARE? All’interno della Vista di Google Analytics, selezionare View Settings:

view settings google analytics

Andare nella voce Exclude URL Query Parameters e inserire il parametro query che voglio escludere. Nel nostro caso devo inserire lang e salvare:

ATTENZIONE: i valori che si inseriscono sono case sensitive quindi scrivere ‘lang’ e scrivere ‘Lang’ non è la stessa cosa!

Nel caso ci fosse più valori da inserire lo si può fare immettendo un valore dopo l’altro, separandolo dalla virgola (,) senza alcuno spazio. Il limite di caratteri che si possono inserire è di 2048.

2. Search Query Parameters

Tra i query parameters che si possono modificare all’interno delle impostazioni di Google Analytics, ci sono anche i parametri search. Si tratta di parametri query relativi alla ricerca di keyword sul sito internet.

Ad esempio, se cerco la parola ‘allerte’ digitandola nella barra del motore di ricerca interno, l’URL che si creerà quando clicco ‘Invio’ sarà il seguente:

https://dataenthusiast.it/?s=allerte

search query parameters google analytics

In questo caso il parametro query è un valore relativo alla ricerca sul sito, per questo parliamo di Search Query Parameters, che nel nostro esempio è formato da: ?s=

Per questi valori posso :

  • escludere le query ‘s’
  • fare in modo che GA raccolga e mostri le keyword più cercate dagli utenti sul sito web

Per fare questo, devo seguire i seguenti passaggi:

  1. Andare nella Vista che voglio modificare ed entrare in View Settings
  2. Attivare ON sotto la voce ‘Site Search Settings
  3. Inserire il parametro query che indica la ricerca sul sito, nel nostro caso ‘s
  4. Flaggare la voce ‘Strip query parameters out of URL‘ : in questo modo diciamo a GA di eliminare il parametro query indicato (‘s’) dagli URL
site search tracking google analytics

Salva le impostazioni.

In questo modo non ci saranno URL duplicate dal parametro query ‘s’ all’interno della dimensione Page e verranno raccolte all’interno del Rapporto Comportamento – Ricerca su Sito – Termini di Ricerca tutte le parole cercate dagli utenti sul sito web:

site search report analytics

CONSIGLIO: crea un Filtro per trasformare in minuscolo (lowercase) le parole cercate dall’utente sul sito web. Crea un nuovo Filtro nella Vista che ti interessa (o nella Proprietà se vuoi usare più velocemente lo stesso filtro per più viste) e poi dagli un nome, ad es. ‘Lowercase on Search Terms‘, scegli Custom, seleziona Lowercase e Search Term e salva, come nell’immagine di seguito:

lowercase search terms filter analytics

Con questo filtro eviterai di trovare la stessa parola ripetuta in più cardinalità, ma verrà raccolta sotto la stessa voce in minuscolo (lowercase appunto), agevolandoti le analisi:

avoid duplication search terms

Buone analisi 🙂


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Cosa sono e come utilizzare i Parametri UTM ?

Cosa significa la voce (other) in Google Analytics?

Come creare un Rapporto Personalizzato per controllare la presenza di Transazioni Duplicate in Google Analytics?

Cosa è il Client ID ?

Le scorciatoie da tastiera più usate per lavorare con Google Spreadsheet

Cosa sono le Visualizzazioni di Pagina Uniche in Google Analytics e perché sono diverse dalle Visualizzazioni di Pagina ?

Come si crea il tag di Google Analytics in Google Tag Manager ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *