Google Tag Manager

Google Tag Manager: Variabile Lookup Table

variabile lookup table in google tag manager

La variabile Lookup Table in Google Tag Manager permette di leggere il valore di un input e, se questo valore combacia con certi requisiti, restituirà un certo output.

Ci sono diverse situazioni in cui questa variabile può aiutarci: rinominare una pagina web, rinominare la dimensione Sorgente per un social (Instagram, Facebook LinkedIn etc.) e così via.

In questo post ti mostro come utilizzare questa variabile nel caso in cui abbiamo due o più siti web uguali che hanno, ognuno, una Proprietà di Google Analytics:

variabile lookup google tag manager

In una situazione del genere, possiamo:

  1. Utilizzare un unico contenitore di Google Tag Manager e triplicare tutti i tag per ogni proprietà (1, 2 e 3);
  2. Creare tre contenitori di Google Tag Manager;
  3. Utilizzare un solo contenitore, senza triplicare i tag e usare la Variabile Lookup table

L’opzione numero 3. è la migliore perché permette di risparmiare tantissimo tempo e, soprattutto, ridurre gli errori che ne possono derivare dalla duplicazione.

Contenuti dell'articolo:
- Creare la Variabile Lookup Table per più siti web
- Inserire la Variabile Lookup Table nel tag di Google Analytics 4
- Inserire la Variabile Lookup Table nel tag di GA versione Universal Analytics

Creare la Variabile Lookup Table per più siti web

A questo punto possiamo creare la variabile, andando in Variables > New (User-Defined Variables):

nuova variabile user defined

Quindi selezioniamo la Variabile Lookup Table:

variabile lookup gtm

A questo punto dobbiamo:

  1. selezionare il tipo di Input per la Variabile: dobbiamo scegliere il parametro (es.: Page Hostname) sul quale basare la scelta se mandare l’informazione alla Proprietà 1, 2 o 3 di Google Analytics;
  2. selezionare il numero di Output: indicare l’ID della Proprietà o il Measurement ID di Google Analytics 4 per ogni sito web;
  3. selezionare il tipo di Input: indicare il valore in base al punto 1. cioé: se scelgo il Page Hostname devo indicare il dominio del sito web:
lookup table input e output

Importante: quando utilizziamo questa variabile, bisogna sapere che il valore inserito nel punto 3. viene considerato come un “exact match”. Questo significa che, se ho un sotto-dominio (es.: blog.example.com), all’interno dell’input devo scrivere il sotto-dominio affinché esso venga letto correttamente. Se inserissi example.com, il sotto-dominio blog.example.com non verrebbe letto.

Un’altra cosa importante da ricordare: se seleziono nel punto 1. il valore {{Page Hostname}} non è necessario scrivere nel punto 3. anche ‘https‘. Lo puoi vedere semplicemente attivando la Preview di GTM per osservare quale è il valore che viene raccolto, come nell’esempio sotto:

variabile page hostname

Inserire la Variabile nel Tag di GA4

Una volta che abbiamo creato la variabile Lookup Table, dobbiamo modificare il tag di configurazione di Google Analytics 4, in modo che le informazioni sulle interazioni degli utenti sul sito web, vengano inviate dinamicamente alle diverse Proprietà di ogni sito web.

Entriamo nel tag di GA4 che ci interessa e clicchiamo sul mattoncino 1).

Apparirà un elenco, quindi selezioniamo la variabile Lookup creata in precedenza e la inseriamo.

variabile google analytics 4

Ogni tag che fa riferimento a Google Analytics 4, dovrà avere questa variabile.

Così facendo:

  • l’azione dell’utente sul sito web invia un evento a data layer
  • l’evento viene letto da GTM e attiva il tag
  • l’informazione viene mandata alle diverse Proprietà create in GA4, in base al valore della variabile {{Page Hostname}}

Salva il tag.

Inserire la Variabile nel Tag di GA Universal Analytics

La stessa operazione può essere fatta anche se stessimo lavorando sulla Proprietà Universal Analytics.

Dovremo creare la variabile Lookup, come nei passaggi sopra.

L’unica cosa che cambierà, sarà l’identificativo della Proprietà, ossia il tracking ID da inserire, che troviamo all’interno della Proprietà sotto Admin > Property Settings

tracking id universal analytics

Questo ID sarà da copiare e da inserire come output nella variabile Lookup Table:

lookup table universal analytics

Successivamente, dovremo andare all’interno del tag che invia le informazioni a Universal Analytics (se non hai ancora questo tag, leggi questo post per scoprire come creare il tag di GA) e:

  1. Attivare il flag su Enable overriding settings in this tag
  2. Cliccare sul mattoncino per selezionare la variabile Lookup Table creata in precedenza
variabile lookup in universal analytics

Quindi salvare, testare il tutto e pubblicare le nuove modifiche nel contenitore.

Buone analisi!


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

  • Google Tag Manager Server-side: che cos’è?
    Annunciato ad Agosto 2020, Google Tag Manager Server-side è ancora un tool/tema sconosciuto ai più. Ci sono tanti dubbi e domande sul tema e in questo post voglio fare un po’ di chiarezza per capire meglio di cosa si tratta. L’argomento è legato a quello che sta succedendo negli ultimi anni sui limiti ai cookie […]
  • Obiettivi di Destinazione: Google Analytics
    Google Analytics ti offre una impostazione molto utile: gli Obiettivi. Gli Obiettivi permettono di capire meglio se i tuoi utenti hanno compiuto un’azione per te importante e raggiunto lo scopo che ti eri prefisso con il tuo sito web. Si possono impostare diversi Obiettivi in GA , in questo post ti mostro come impostare un […]
  • Filtrare il traffico interno in Google Analytics
    I Filtri in Google Analytics ti permettono di pulire il traffico per raccogliere un dato qualitativo sul tuo sito web. Uno dei Filtri principali da impostare all’interno delle Viste di Google Analytics (versione Universal Analytics) è quello per escludere il traffico interno. In questo modo tutte le persone che lavorano sul sito e che lo […]
  • Gruppi di Contenuti (Content Grouping) in Google Analytics
    Ti è mai capitato, analizzando i contenuti di un sito web, di voler capire come performano le sezioni principali in cui è suddiviso il sito? Ogni sito internet è suddiviso in macro sezioni, che rispecchiamo l’organizzazione dei contenuti dello stesso. Questo vale per tutti i siti, dagli e-commerce, che hanno sezioni di categorie prodotto, tipo […]
  • Google Tag Manager: Variabile Lookup Table
    La variabile Lookup Table in Google Tag Manager permette di leggere il valore di un input e, se questo valore combacia con certi requisiti, restituirà un certo output. Ci sono diverse situazioni in cui questa variabile può aiutarci: rinominare una pagina web, rinominare la dimensione Sorgente per un social (Instagram, Facebook LinkedIn etc.) e così […]
  • Google Analytics 4: referral exclusion
    Il traffico di tipo Referral è, generalmente, traffico proveniente da altri siti web che contengono uno o più link verso il tuo sito. Il nuovo Google Analytics 4 ti permette di misurare questo traffico per le tue analisi, senza l’utilizzo di tag, trigger o variabili. La corretta implementazione del traffico di tipo referral ti permette […]
  • Google Analytics 4: cross domain
    In questo post ti mostro come implementare il monitoraggio interdominio o cross domain tracking nella nuova versione di Google Analytics 4. Se vuoi scoprire di più cosa è Google Analytics 4 e quali sono le nuove caratteristiche che lo compongono leggi questo post dedicato. Con GA4 il cross domain tracking è molto più semplice rispetto […]
  • Come tracciare le pagine virtuali: Google Tag Manager e Google Analytics
    In questo post vediamo come tracciare le Pagine Virtuali con l’ausilio di Google Tag Manager e Google Analytics. Se non sai cosa sono le Pagine Virtuali o Virtual Pages e saperne di più su come ti possono aiutare soprattutto se stai tracciando una Single Page Application, ti consiglio di leggere il mio post dedicato. Per […]
  • Installare Facebook Pixel con Google Tag Manager
    In questo post ti mostro come installare il pixel di Facebbok sul tuo sito web utilizzando Google Tag Manager. Gli strumenti necessari per fare questo saranno: un account Facebook Business Manager un account di Google Tag Manager il plugin Facebook Pixel Helper Creare un Pixel All’interno dell’account FB andiamo a creare un pixel scegliendo il […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *