Google Tag Manager

Google Tag Manager: Variabile Lookup Table

variabile lookup table in google tag manager

La variabile Lookup Table in Google Tag Manager permette di leggere il valore di un input e, se questo valore combacia con certi requisiti, restituirà un certo output.

Ci sono diverse situazioni in cui questa variabile può aiutarci: rinominare una pagina web, rinominare la dimensione Sorgente per un social (Instagram, Facebook LinkedIn etc.) e così via.

In questo post ti mostro come utilizzare questa variabile nel caso in cui abbiamo due o più siti web uguali che hanno, ognuno, una Proprietà di Google Analytics:

variabile lookup google tag manager

In una situazione del genere, possiamo:

  1. Utilizzare un unico contenitore di Google Tag Manager e triplicare tutti i tag per ogni proprietà (1, 2 e 3);
  2. Creare tre contenitori di Google Tag Manager;
  3. Utilizzare un solo contenitore, senza triplicare i tag e usare la Variabile Lookup table

L’opzione numero 3. è la migliore perché permette di risparmiare tantissimo tempo e, soprattutto, ridurre gli errori che ne possono derivare dalla duplicazione.

Contenuti dell'articolo:
- Creare la Variabile Lookup Table per più siti web
- Inserire la Variabile Lookup Table nel tag di Google Analytics 4
- Inserire la Variabile Lookup Table nel tag di GA versione Universal Analytics

Creare la Variabile Lookup Table per più siti web

A questo punto possiamo creare la variabile, andando in Variables > New (User-Defined Variables):

nuova variabile user defined

Quindi selezioniamo la Variabile Lookup Table:

variabile lookup gtm

A questo punto dobbiamo:

  1. selezionare il tipo di Input per la Variabile: dobbiamo scegliere il parametro (es.: Page Hostname) sul quale basare la scelta se mandare l’informazione alla Proprietà 1, 2 o 3 di Google Analytics;
  2. selezionare il numero di Output: indicare l’ID della Proprietà o il Measurement ID di Google Analytics 4 per ogni sito web;
  3. selezionare il tipo di Input: indicare il valore in base al punto 1. cioé: se scelgo il Page Hostname devo indicare il dominio del sito web:
lookup table input e output

Importante: quando utilizziamo questa variabile, bisogna sapere che il valore inserito nel punto 3. viene considerato come un “exact match”. Questo significa che, se ho un sotto-dominio (es.: blog.example.com), all’interno dell’input devo scrivere il sotto-dominio affinché esso venga letto correttamente. Se inserissi example.com, il sotto-dominio blog.example.com non verrebbe letto.

Un’altra cosa importante da ricordare: se seleziono nel punto 1. il valore {{Page Hostname}} non è necessario scrivere nel punto 3. anche ‘https‘. Lo puoi vedere semplicemente attivando la Preview di GTM per osservare quale è il valore che viene raccolto, come nell’esempio sotto:

variabile page hostname

Inserire la Variabile nel Tag di GA4

Una volta che abbiamo creato la variabile Lookup Table, dobbiamo modificare il tag di configurazione di Google Analytics 4, in modo che le informazioni sulle interazioni degli utenti sul sito web, vengano inviate dinamicamente alle diverse Proprietà di ogni sito web.

Entriamo nel tag di GA4 che ci interessa e clicchiamo sul mattoncino 1).

Apparirà un elenco, quindi selezioniamo la variabile Lookup creata in precedenza e la inseriamo.

variabile google analytics 4

Ogni tag che fa riferimento a Google Analytics 4, dovrà avere questa variabile.

Così facendo:

  • l’azione dell’utente sul sito web invia un evento a data layer
  • l’evento viene letto da GTM e attiva il tag
  • l’informazione viene mandata alle diverse Proprietà create in GA4, in base al valore della variabile {{Page Hostname}}

Salva il tag.

Inserire la Variabile nel Tag di GA Universal Analytics

La stessa operazione può essere fatta anche se stessimo lavorando sulla Proprietà Universal Analytics.

Dovremo creare la variabile Lookup, come nei passaggi sopra.

L’unica cosa che cambierà, sarà l’identificativo della Proprietà, ossia il tracking ID da inserire, che troviamo all’interno della Proprietà sotto Admin > Property Settings

tracking id universal analytics

Questo ID sarà da copiare e da inserire come output nella variabile Lookup Table:

lookup table universal analytics

Successivamente, dovremo andare all’interno del tag che invia le informazioni a Universal Analytics (se non hai ancora questo tag, leggi questo post per scoprire come creare il tag di GA) e:

  1. Attivare il flag su Enable overriding settings in this tag
  2. Cliccare sul mattoncino per selezionare la variabile Lookup Table creata in precedenza
variabile lookup in universal analytics

Quindi salvare, testare il tutto e pubblicare le nuove modifiche nel contenitore.

Buone analisi!


Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

  • Google Analytics 4: Rapporto source/medium
    Uno dei rapporti più popolari all’interno della versione Universal Analytics è sicuramente il Rapporto source/medium. In questo Rapporto è possibile osservare velocemente la sorgente e il mezzo di provenienza degli utenti che atterrano sul sito web. In UA possiamo trovarlo sotto Acquisition > All Traffic > Source/Medium La nuova versione di GA4 offre numerose features […]
  • Google Analytics 4: Pagine di Destinazione
    In questo post ti mostro come trovare le pagine di destinazione in Google Analytics 4. Per questo motivo do per scontato che sai già cosa è GA4 e la sua differenza con la versione Universal Analytics. Se però vuoi approfondire, ti rimando a questo post in cui ti spiego cosa è Google Analytics 4 e […]
  • Search Console e Google Analytics 4
    In questo post ti mostrerò due cose che ritengo molto utili: Collegare la Google Search Console direttamente alla tua Proprietà di Google Analytics 4 Salvarti un widget per accedere più velocemente ai dati della Search Console Partiamo! Collegare Search Console a GA4 I passaggi per collegare la Search Console a Google Analytics 4 sono davvero […]
  • Google Analytics 4: Content Groups
    I Content Groups o Raggruppamenti di Contenuti permettono di creare delle sezioni del sito, all’interno delle quali poter racchiudere diversi contenuti. Questo ci permette di aggiungere un elemento aggiuntivo alle nostre analisi. Facciamo alcuni esempi: posso creare un gruppo specifico che mi mostra i Brand più visualizzati sul mio sito web oppure posso creare delle […]
  • Google Analytics 4: Confronti
    In questo post ti mostro come utilizzare la funzionalità confronti o comparison (nella versione inglese) di Google Analytics 4. Se vuoi saperne di più su GA4, leggi questo post, altrimenti, proseguiamo! Così come avviene nella versione UA (Universal Analytics), dove è possibile utilizzare i segmenti per analizzare meglio il comportamento dei tuoi utenti sul sito, […]
  • Google Tag Manager Server-side: che cos’è?
    Update: 5 Ottobre. Google Tag Manager Server Side è ufficialmente uscito dalla versione Beta, come confermato da Google, ed è entrato in una nuova fase. Annunciato ad Agosto 2020, Google Tag Manager Server-side è ancora un tool/tema sconosciuto ai più. Ci sono tanti dubbi e domande sul tema e in questo post voglio fare un […]
  • Obiettivi di Destinazione: Google Analytics
    Google Analytics ti offre una impostazione molto utile: gli Obiettivi. Gli Obiettivi permettono di capire meglio se i tuoi utenti hanno compiuto un’azione per te importante e raggiunto lo scopo che ti eri prefisso con il tuo sito web. Si possono impostare diversi Obiettivi in GA , in questo post ti mostro come impostare un […]
  • Filtrare il traffico interno in Google Analytics
    I Filtri in Google Analytics ti permettono di pulire il traffico per raccogliere un dato qualitativo sul tuo sito web. Uno dei Filtri principali da impostare all’interno delle Viste di Google Analytics (versione Universal Analytics) è quello per escludere il traffico interno. In questo modo tutte le persone che lavorano sul sito e che lo […]
  • Gruppi di Contenuti (Content Grouping) in Google Analytics
    Ti è mai capitato, analizzando i contenuti di un sito web, di voler capire come performano le sezioni principali in cui è suddiviso il sito? Ogni sito internet è suddiviso in macro sezioni, che rispecchiamo l’organizzazione dei contenuti dello stesso. Questo vale per tutti i siti, dagli e-commerce, che hanno sezioni di categorie prodotto, tipo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.